T-Shirt repress and some blablabla…

We are reprinting our last t-shirt design with the alcoholic artwork of the last split 7″ with Terror Firmer after the first run got sold out pretty fast. This time we are also gonna make some pins with the band logo.
Therefore, get in touch if you wanna pre-order one so that we can properly plan the TS sizes order.

The trucker hats with the label design are still available.
Last but not least, still brutally hot and smoking alcoholic fumes, the split 7″ with the almighty Terror Firmer.

By the way, we are celebrating 10 years of L’è Tütt Folklor Records!!! 10 years ago, hidden in the asshole of an alpine valley at 1000 masl, we just started releasing demos of our shitty punk bands on tape and cd-r and it seems we are still wasting our lives and ruining our livers. Waiting for tinnitus and liver failure, we’d still like to unleash some stupid grind bursts always with our lyrics hanging between folklor and dystopic realism.

Thanks to who have supported us and shared some booze with us!

Alègher and l’è tütt folklor!

Attila & co.

Immagine

Advertisements

La fattoria del futuro – Piccolo documentario introduttivo

Uela!

Si fa di tutto per evitare il proprio dovere, soprattutto quando si tratta di scrivere lavori maledetti e il cursore continua a lampeggiare portandoci a sentire quel fastidioso ribollire di viscere.

Ho trovato sul tubo un interessante documentario sull’agricoltura del futuro vista però con gli occhi alternativi di chi non vuole partecipare al continuo sovrappopolamento e a stronzate ipertecnologiche e la bell’illusione che un giorno staremo tutti bene e indosseremo tutine sintetiche che ci stimolano anche i genitali fra le altre cose…

Non è così semplice come spiegato nel filmato, ma il margine di manovra per sviluppare nuovi metodi di produzione alternativi sono effettivamente allo studio anche di grandi esperti del settore. Il vero problema, come sempre, sono i soldi e il potere che ne deriva; finché le lobby dell’immensa industria agroalimentare, del petrolio e della sua lavorazione, ecc. avranno in mano le sorti della nostra esistenza, ci sarà poco da fare e, soprattutto, sperare!

Scendere nelle strade in città a fare casino non serve a un cazzo, o meglio, non basta. Mandiamo tutto a fuoco e torniamo dove la nostra specie sarebbe sempre dovuta rimanere.

Vi ricordo nuovamente anche il concerto di domani al CS()A Il Molino a Lugano con Insomnia Isterica, Alfatec e F.U.G.

Saluti e tante verdure nel culo a tutti!

ATB

Raggiunta la Paretoeffizienz fra i miei due coglioni O=O

Uela!

Torno dopo un relativo lungo silenzio per perdere un po’ di tempo e per dare qualche consiglio di video e musica.
Avevo in mente di fare un post coi controcazzi e mi sono anche scritto una scaletta di argomenti e dischi da trattare, ma credo sia più saggio fare una cosa un poco più veloce e lasciare il piatto forte a quando sarò libero dagli impegni di studio.

Cominciamo con un bel documentario sul metal estremo giapponese. Davvero interessante e colmo di buona musica.

Continuiamo con un altro documentario musicale dal peso però decisamente più importante sotto il punto di vista emozionale, politico, sociale, ecc.
Nonostante sia uscito già da un bel po’, ho avuto l’occasione di vederlo solo 3-4 settimane fa e sono rimasto molto colpito dalla passione, dall’energia e dalla forza di questi ragazzi. Fa ridere pensare a quanto ci si lamenta del fatto che da noi non c’è un cazzo se poi ci si raffronta ad una situazione come questa, nella quale si rischia di morire semplicemente per essere colpevoli di essere se stessi…
Consigliatissimo!

Dopo aver visto il doc, vi consiglio anche di fare una rapida ricerca in google per vedere come sono adesso…

Restiamo sul formato video per una chicca di quelle per cui si potrebbe morire dopo aver goduto. Probabilmente, visto l’interesse che questo gruppo ha suscitato, avrete già visto qualcosina. Nel caso il buon vecchio cinghiale di valle vi farà una persona felice!

È una sofferenza stare lontano dal locale per così tanto tempo e non poter passare delle sane ore di ignoranza e alcoolismo con i miei cari soci da merda, ma si sa, la vita è un frisbee e i frisbee sono fottutamente tristi specialmente in questa stagione.
Come ormai d’abitudine mi trovo ad un bivio e non so come andrà a finire. Posso solo dire di essere contento per le buone notizie in casa LTFR e gruppi annessi e per il fatto che la gente sta sempre male, peggio.
Ci si vede fra due settimane!

ATB

PS: x GTH: Earth – Earth 2 Special Low Frequency Version – sempre e comunque.

Hippie svedesi bravi e profeti del 3° millennio

Che bello il natale che fa bene ai nostri fegati mai stanchi e i babbi natali che rimangono incastrati nei camini perché mangiano troppi bambini e le renne che fanno la cacca sui marciapiedi e poi i vecchi ci scivolavano sopra e morivano e i papi e i cardinali assaliti che rompevano i femori e il freddo che fa bene alle ossa e nessuno che gliene frega un cazzo del Gesù Bambino!

Minchia che intro…

Tagliamo la testa alle barbie e ai big jim e veniamo agli hippie svedesi che fanno le belle musick:

Siena Root, Different Realities, 2009

“Che belle musiche” dissero i mirki e i giuliani nel locale antiatomico del tessin e allora come non proporli al popolo della rete pornosa?!
Deep Purle, Led Zeppelin, 70’s, un po’ di progressioni prog e stonerate, strumenti indiani, atmosfere orientali e tanta droga vanno a formare il sound di questa eccezionale band svedese al 4° full length. Recentemente è uscita anche la versione in vinile che credo proprio meriti l’attenzione del nostro borsino.
Basta parlare e godete!

E adesso or ora in questo momento tocca ai profeti del 3° millenio… Persone che stimo (?) (eh… non troppo ma un po’ sì dai) e che fanno la musica potente che conta, che ti sa rivoltare le budella, gente che scrive a canta testi che parlano di come stanno effettivamente le cose e che non ha mai avuto i peli sulla lingua; gente che abusa e abusa e abusa e che ha fatto casini su casinò e che ha sperimentato un po’ di tutto. Lo so, ho detto una marea di cazzate ma “nteresa mì!”, quindi fatevi due risate sane e nonostante tutto credo potrete trovare interessante i discorsi e gli aneddoti raccontati da questi baldi signorotti del disagio esistenziale.
Purtroppo il wordpresso non mi lascia embeddare le robe flashose quindi andate direttamente a questo sito e guardate il video in alto a destra.

Mercoledì 30 dicembre casino chaos bordello, merda volante, sbocco calante, femministe incazzate e vegan carnivori insieme a puttane, trans e anche qualche puttaniere della prima ora per tante ore di divertimento e sano alcoolismo comunitario e anche un po’ comunista forse. Sembra tutta una marea di cazzate anche questa ma forse ho anche un po’ ragione eheheh…

Piove merda governo ladro, scappo dalla polizia anche se non ce la faccio più e mi fa un po’ male dappertutto ma tengo duro perché fa ridere restare al mondo solo per bruciare l’ossigeno degli altri e dare e fare fastidio! Sì, è divertente e folkloristico non porgere né mani né sorrisi e imparare a pensare prima di giudicare perché il destiny’s book non è mica  roba come we don’t give a fuck o i miasma e perché la mamma ha detto che la sodomia fa male e che dopo ti rimane la cacca nell’intestino e dopo muori di merda in tutti i sensi compreso l’olfatto. Penso che la mia culotura musicale ticinese non è roba per i cretacei e che il Teo è bravo quando cerca di fare discorsi senza senso insieme al dentifricio perché lavarsi i denti è peccato e dopo non ti puzza più l’alito e allora sei schwul come mitch bukannone e il liquido seminale diventa solo l’ennesimo veicolo di demenza senil-giovanile perché in realtà siamo già tutti morti, morti dentro senza aver mai vissuto né aver realmente apprezzato il respiro di aria di marmitta stagionata e in fondo ciò che rimane ancora stupefacente è solo la droga perché perché perché perché e perché ancora una volta non c’è più niente da scoprire, da sperimentare; non ci sono più pacchetti di natale da scartare sperando di trovare qualcosa per cui valga ancora la pena di provare quel senso di emozione dalla sorpresa e dire “sì, questo è sensazionale” nel senso semantico e nativo di “ricco di grande senso”. È solo un grande insieme di vomito precompattato e preconfezionato dalle signorine della migros. L’unica cosa che ancora mi fa ridere è vedere il Giulio davanti alla coop che gioca sul cavalluccio dei bocia. Allora sì, penso a quanto è bello fare la cacca e ritrovo la speranza di poterne fare ancora altra e forse un giorno di essere capace di imbrattare le facce di tutte le persone e far loro sentire un odore, l’odore della VITA.

Ci si vedeva nel mondo dei vostri sogni eroterici così venivo a darvi fastidio anche lì!

ATB

Ve la immaginate una roba del genere sulla tsi???!!!!

Ne ho bevute un paio di troppo stasera nella disperazione preesami… ormai è così.
Nella infinita sapienza telematica del tubo ho riscovato dopo un po’ questo bel videino dei bei tempi andati a farsi friggere insieme agli hamburger vegan e ho pensato di farvi riflettere sul senso della vita.

Ve la immaginate una roba del genere sulla tsi???!!!! rai, mediashit, cazzonesò??!!!
Ancora 20 anni dopo gli avvenimenti di puro chaos di quel tempo, faccio fatica a capacitarmi di cosa sia realmente successo in un paese dove vige ancora la monarchia! Ma com’è possibile che in democrazia si vedano solo tette, culi, Polanski e Matteo Pellino, quando a fine Ottanta, sotto il dominio di una regina bisbetica e già morta si mandavano in onda ste cose in prima serata? Giudicate voi… Prima però godetevi la suite di archi in arpeggio!

Ci vediamo prestissimo!

Se non siete soci da merda comprate sto cazzo di 7pollicino folkloristico e spezzate la catena che vi tiene legati ai vadavial’vüc! Se siete dei soci da merda e non l’avete ancora acquistato siete veramente dei soci!

ATB con amore agronomico e timore alcoolemico

Allegria e folklore – sangue e ossa rotte solo per finta

Obla dì, Obla dà, yuppi ya yeah cowboy and shut up bitch!
Questo per dire “ciao”!

Il sole si nasconde, le nubi schiacciano le esistenze e il freddo dà fastidio. Io gioisco e godo nel vedere il fastidio espandersi a macchia d’olio e creare scompensi ormonali e stati depressivi ancor più evidenti.
Non ho voglia di dire cazzate su cazzate sui dolci avvenimenti di sabato e su quanto tutto questo giro di merda faccia davvero schifo (porgimi una mano- ti darò un sorriso… porgimi una mano – ti darò uno sganassone). Le solite cose insomma; ignoranza, lezioni di ideologismo da pecore lobotomizzate e tanta insana mancanza di folklore. In ogni caso su invito di Fafo vi propongo una sua personale riflessione.

“FGC 17.10.2009
“Contro ogni repressione”, il messaggio che ostenta in caratteri cubitali dinnanzi ai cancelli dell’ ipocrisia che separano da un luogo dove vengono predicati ideali, ormai da tempo dimenticati.
Anche tra queste mura, che rappresentano la libertà di espressione per chi è incazzato col mondo, atteggiamenti fascisti vengono adottati per zittire chi dice cose che danno fastidio. “In un centro sociale certe cose non si devono dire”, questa è la motivazione data per aver deliberatamente spento i microfoni al gruppo che stava suonando sul palco. Nessuno nega che le constatazioni del cantante potevano essere intese come antifemministe o misogine, ciò nonostante non è tollerabile che un gruppo venga zittito in questa maniera. Essere contro ogni repressione ma adottare sistemi tipici da regime totalitario per, appunto, opprimere i pensieri altrui è un modo di agire ipocrita e vigliacco. Se vi sono discordanze di idee è troppo facile zittire chi non la pensa uguale piuttosto che argomentare in maniera intelligente per cercare di comprendere e essere compresi. Se non si agisce o si pensa come va bene a certa gente si è automaticamente considerati essere fascisti, si viene giudicati misogini e si perde il diritto di esprimersi senza che, il messaggio mandato sia stato neppure minimamente compreso. Le orecchie degli ignoranti, che vivono nel loro piccolo mondo ipocrita e puzzolente, sentono solamente ciò che vogliono sentire, è troppo facile dire di voler lottare per poi semplicemente chiudersi tra le mura di un centro sociale e ignorare ciò che accade all’esterno. Mettersi invece su un palco e non avere paura di dire ciò che ci sta sul cazzo, pur essendo coscienti delle reazioni che potrebbe suscitare, è secondo me un atteggiamento che merita rispetto e ammirazione. Troppo facile mascherarsi e lanciare sassi, troppo facile spegnere la corrente a chi non la pensa come noi, troppo facile giudicare senza conoscere.”

Fafo, animalu de furescta incruciato con cinghialu homosexuell


Veniamo adesso alle cose interessanti e ad un po’ di müsica.

Scorn, “Stealth”

s
s

Per la gioia di Mirko, IL fashinoso, e spero anche di altri, vi propongo un’artista che mi è sempre piaciuto e da cui ho sempre cercato di prendere spunto, soprattutto quando volevo giocare al grindcore con i blastibeati. Personaggio alquanto ermetico e sperimentale è passato dal punk, al grindcore inventandone anche il nome, dall’industrial à la Godflesh al dub più bello, funereo e marziale. Un piacere solenne che accompagna il lento decadere delle nostre vite simpatiche e ci fa finalmente dimenticare lo schifo per lasciarci andare in una realtà di certo più accogliente seppur sinistra. L’album in questione è del 2007 e completamente dubbe dubbe steppi steppi.

covercover2

… E poi, visto che del sessimo non me ne frega proprio un cazzo secondo i canoni etici riconosciuti dal triumvirato per il controllo dell’ortodossia dell’hc, ecco il Porno con la P maiuscola e il Gore con la G maiuscola come il punto G. Porca puttana è divertente e fa bene ai capelli come le noci di cocco in culo. E non rompete i coglioni a Mazinga o a Goldrake che hanno ben altro da fare tipo imparare a spulciarsi il culo utilizzando Godzilla e il suo pelo a mò di simpatico patuffolo igienico pulisci merda.

(visto che non trovo più la mia copia persoanale, vi butto lì un link rubato altrove)

L’allegria impazza, gli aerei cadono e la gente si fa male e continua a morire. Niente di nuovo insomma. Non c’è di che preoccuparsi!

ATB